RAGGEDY ANN

Conosci la storia di questa bambola?
Nel 1915 fu creata  da Johnny Gruelle, famoso disegnatore ed illustratore americano.

Johnny e sua figlia Marcella, si recarono un giorno nella vecchia soffitta della nonna, e trovarono in un baule una vecchia bambola di pezza, probabilmente fatta dalla madre di Johnny per la sorella.

La bambola ispirò la fantasia del disegnatore,che adorando sua figlia la immaginò mentre giocava spensierata e così decise che il volto della raggedy doveva essere particolare: gli occhi a bottone,il naso triangolare e la bocca sorridente.

In ogni casa americana c’è una Raggedy Ann, grazie alle meravigliose storie che circondano questa bambola.

Purtroppo però la piccola Marcella a 13 anni morì, e Johnny Gruelle pensò che insieme alla sua bambina, fossero morti tutti i suoi sogni. Ma un giorno osservando la Raggedy  della piccola Marcella, rivide in lei il viso della piccola e dopo un mese dalla morte di sua figlia registrò il marchio della bambola, e subito dopo creò anche il fratellino Andy.

Qui in Italia, purtroppo, ancora si fatica ad apprezzare questo genere di manufatto. I bambini ne sono un po’ intimoriti, si avvicinano e le guardano con sospetto, mentre gli adulti ne rimangono affascinati e solo pochi di loro amano ascoltare la loro storia e capirne il vero significato.


Spesso osservo i volti delle persone mentre si avvicinano alle mie Raggedy.
 Parlano tra di loro, sorridono,le sfiorano come fossero di cristallo. Poi le fissano negli occhi, sembra quasi che stiano comunicando, io aspetto sempre un attimo prima di intervenire, non voglio interrompere la magia che si crea. In quel preciso momento so che la bambola e la persona che la sta osservando devono stare insieme, ed è bellissimo quando la signora in questione si gira verso di me dicendo ” posso prenderla?”

Mentre le le cucio, le vesto, ricamo il loro nasino, parlo con loro (mentre mio marito mi guarda perplesso) e le rassicuro che andranno sempre in buone mani, che saranno fortunate perché chi le acquista sa quanto valgono, e che un pezzetto del mio cuore sarà sempre con loro.

A te che sensazioni trasmettono? 

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *